“Casi di difterite e voi non ce lo dite?”

“Casi di difterite e voi non ce lo dite?”

Articolo

Il Comune di Chiasso infuriato con l’Ufficio del Medico Cantonale. L’esecutivo non avrebbe affatto gradito di essere rimasto all’oscuro dei quattro casi di difterite scoperti dal Mattinonline, con tanto di lettera dello stesso Medico Cantonale al centro asilanti di Chiasso dove si indicavano le misure precauzionali da intraprendere.

Il Municipio ha quindi deciso di chiedere spiegazioni a Bellinzona, come conferma la municipale, nonché Consigliera Nazionale per la Lega dei Ticinesi, Roberta Pantani.

Roberta Pantani, perché avete scritto una lettera all’Ufficio del Medico Cantonale?
Perché è assurdo che ci sono quattro casi di difterite a Chiasso e il Municipio lo deve venire a scoprire dal Mattinonline e non da chi è preposto ad avvisarci. Come conferma l’articolo 107 della Loc, il Comune è responsabile della tutela della salute pubblica: il Medico Cantonale era quindi tenuto ad avvertirci per tempo.

Il Medico Cantonale ha comunque fatto mettere in pratica le misure cautelari per evitare i rischi di contagio.
Non mettiamo in dubbio la bontà delle precauzioni e delle misure imposte dal Medico Cantonale, ma non è possibile che certe informazioni vengano scoperte per vie traverse. La segnalazione era doverosa: abbiamo scritto a Bellinzona per capire il motivo di questo comportamento.

Preoccupati dai casi di difterite?
Certamente. Si tratta di una malattia grave che era stata debellata in Europa grazie alle vaccinazioni obbligatorie. Ma la mia grande preoccupazione adesso è per i bambini che, per scelta dei genitori, non sono stati vaccinati e sono quindi esposti a un batterio potenzialmente mortale.

http://www.mattinonline.ch/il-comune-di-chiasso-scrive-al-medico-cantonale-casi-di-difterite-e-voi-non-ce-lo-dite/

Lascia un commento

Scroll to top